MARTIN LUTERO

 

 

La vita del riformatore tedesco.

 

Nota 1 - A Mansfeld, abbandonando la tradizione contadina del padre e del nonno, Hans Luther andò a lavorare in miniera ed effettivamente, nel volgere di alcuni anni, con duro lavoro e molta tenacia, riuscì a migliorare considerevolmente la situazione economica e la posizione sociale della famiglia.

 

Nel 1491 fu eletto consigliere della città e nei primi anni del nuovo secolo era ormai comproprietario di due fonderie e sei pozzi. Educato assai severamente insieme ai numerosi fratelli ( sette tra sorelle e fratelli ), Martin crebbe nella scrupolosa osservanza anche di tutti i precetti della chiesa, su cui i genitori non erano disposti a transigere.

 

 

 

Nota 2 - non rinnegò mai questa scelta ma a posteriori, negli anni della maturità, giudicava di averla fatta più per slancio che per convinzione vedendo in quella la risposta migliore ai suoi problemi di fede, ai timori per la salvezza della propria anima a all'ansia per l'ineliminabile ira divina che lo avevano agitato in quegli ultimi anni.

La decisione presa da Martin angustiò enormemente il padre; a chi lo esortava a considerare che il figlio si era posto al servizio di Dio, il religioso replicava citando il quinto comandamento ( « Onora tuo padre e tua madre, come l'Eterno l'Iddio tuo ti ha comandato » ) e solo anni dopo perdonò a Martin di aver trasgredito la sua volontà.

 

<< back >>