Nota 1

Solus Christus è infatti una delle parole d’ordine della Riforma, pensata anche per opporsi con decisione al culto dei santi e alla pietà a esso connessa – una pietà che spesso rischia di oscurare le parole dell’evangelo e la stessa figura di Gesù. Né Maria, né i santi, che possono essere persone esemplari, ma a cui non è dovuta nessuna devozione, e assolutamente nessun ruolo di mediazione: tutto quello che diciamo e facciamo e crediamo è unicamente nel nome di Gesù.

Detto questo, è però doveroso ricordare che le parole santità e santificazione fanno parte del vocabolario di fede della Riforma che ne ha dato un significato più aderente all’insegnamento biblico. Per un protestante, infatti, la santità non riguarda tanto la grandezza spirituale di un credente, ma è piuttosto una vocazione rivolta a ogni cristiano. Santi sono infatti tutti coloro che appartengono a Dio e che nella loro vita sono chiamati a compiere la sua volontà: ognuno nella condizione in cui si trova, nella quotidianità della vita, nella pratica del lavoro, nell’essere presente nella società.

 

<< back