Bergoglio riabiliterà Ernesto Bonaiuti ?

 

 

Fra i firmatari dell’appello – anticipato  dall’agenzia Adista – promosso dal movimento Noi Siamo Chiesa e dal mensile Tempi di fraternità c’è il vescovo Luigi Bettazzi, gli storici Giovanni Filoramo, Daniele Menozzi, Giovanni Miccoli, Antonio Parisella, Mauro Pesce e Adriano Prosperi, personalità del mondo laico e cattolico come Stefano Rodotà, Vito Mancuso, Raniero La Valle, Lidia Menapace, Giancarla Codrignani, Marco Marzano, Frei Betto, Giovanni Franzoni, don Paolo Farinella.

 

Personaggio scomodo a tutti i centri di potere.

     Dall'appello di Adista

«Sgradito, come cattolico, ai partiti di sinistra e, come scomunicato, ai politici di obbedienza vaticana, non fu mai riabilitato ufficialmente, anche se molte delle sue posizioni riecheggiarono nei dibattiti conciliari del Vaticano II e furono riprese nei documenti ufficiali», si legge nell’appello che chiede ora una piena riabilitazione per Buonaiuti.

 

 «La sua memoria restò nell’ombra per decenni, dal momento che, pur trattandosi di una figura di testimone eticamente e giuridicamente superiore a ogni motivo di critica, Buonaiuti fu considerato scomodo da tutti i centri di potere, data la sua irriducibile fedeltà alla propria coscienza e alla propria onestà intellettuale e morale, al di sopra di ogni altra considerazione. Riteniamo che l’evoluzione delle sensibilità politico-sociali e religiose, che ha condotto a rivedere numerose manifestazioni di intolleranza del passato, costituiscano un clima favorevole alla rivalutazione pubblica delle sue virtù civiche e religiose, soprattutto in un tempo come il nostro, in cui da ogni parte si fa giustamente appello alla capacità personale di resistenza critica al conformismo intellettuale e al relativismo morale»

 

<< Back