Un 8 x 1000 a misura della confessione più forte ?

 

Il meccanismo, ideato ai tempi del Nuovo Concordato da Tremonti ( allora consigliere economico di Craxi ), Cirino Pomicino ( presidente della Commissione bilancio della Camera), e il card. Nicora, venne concepito per favorire maggiormente la Chiesa cattolica.

I Radicali hanno tentato di cancellarlo con un referendum che però non ha raggiunto le firme necessarie per poter essere svolto.

 

Mascherato come scelta volontaria, l’8x1000 è in realtà obbligatorio, quindi, di fatto, un finanziamento pubblico. Chi non sceglie paga lo stesso, e la sua quota viene attribuita in proporzione alle scelte espresse dagli altri.

 

Considerando che a firmare per una destinazione è meno della metà dei contribuenti (circa il 45%), è la minoranza a decidere per tutti: una sorta di Italicum applicato all’Irpef, scrive Luca Kocci sul Manifesto.

 

 

Chi ne trae vantaggio.

Tutti, o quasi, ne traggono beneficio: solo Assemblee di Dio e Chiesa apostolica devolvono allo Stato le quote non espresse  (prima vi rinunciavano anche valdesi ).

Ma è la Chiesa cattolica, a ricavarne il massimo: nel 2014 ( in relazione alla dichiarazione dei redditi delle persone fisiche del 2010 ( riferita ai redditi del 2009) incasserà la somma di 1.004.839.287,00. Euro.

 

Riparto fondo 8 x 1000 della Chiesa Cattolica nel 2013
Riparto fondo 8 x 1000 della Chiesa Cattolica nel 2013

 

 

Come vengono impiegati:

 

Chiesa cattolica. Lo scorso anno la Conferenza Episcopale, su un miliardo e 42 milioni di euro incassati, ne ha assegnati 240 milioni per  interventi caritativi,il rimanente invece è stato utilizzato: per edilizia culto, pastorale e catechesi ( 420 milioni ),  per gli stipendi di circa 33.000 preti ( 382 milioni).

 

Chiesa luterana. Nel 2012 ha incassato quasi 3milioni e 500mila euro: 1milione e mezzo è stato speso per l’evangelizzazione, quasi 1 milione per i ministri di culto, 350 mila per attività missionarie; per il sociale e la cultura sono rimasti 500mila euro, 100mila per pubblicità e spese di gestione.

 

Unione delle comunità ebraiche: degli oltre 4 milioni e 700mila euro ottenuti nel 2011 (ultimo rendiconto disponibile), 2 milioni e 848mila sono andati alle varie comunità ed enti ebraici presenti in Italia, 1 milione e 533mila è stato speso per attività culturali e didattiche, 340mila per la comunicazione.

 

Sacra arcidiocesi ortodossa d’Italia: non fornisce cifre, dichiara solo che i soldi sono usati per culto, catechesi e «un sostegno anche materiale per le persone sole e per le famiglie più bisognose».

 

Chiese valdesi e metodiste: nel 2013 hanno incassato circa 37 milioni di euro. Non usano i fondi per il culto ma — a parte una quota intorno al 5% per le spese di gestione — esclusivamente per attività sociali, assistenziali e culturali, sia in Italia che all’estero, come documentano rendiconti piuttosto dettagliati (anche se una parte di queste attività sono condotte dalle loro stesse strutture che quindi parzialmente si autofinanziano).

 

Assemblee di Dio: nel 2012 hanno ricevuto 1 milione e 165 mila euro, che non utilizzeranno ai fini del culto ma per attività sociali, assistenziali e culturali.

 

Avventisti: nel 2011 percepirono 2milioni e 167mila euro, con cui finanziarono progetti sociali, formativi, educativi e culturali in Italia per quasi 2 milioni e progetti umanitari all’estero per 70mila euro, lasciandone 100mila per la campagna informativa e per le spese di gestione).

 

Caccia ai CUD.

 

Nella corsa ad accaparrarsi una fetta di 8x1000 in più c’è anche la “caccia al Cud”: giovani e giovanissimi lanciati all’inseguimento dei pensionati e di coloro che sono esonerati dalla presentazione della dichiarazione dei redditi per convincerli a compilare comunque la scheda per la scelta della destinazione dell’8x1000  (*)

Le parrocchie organizzano squadre di giovani (dai 18 ai 35 anni) da sguinzagliare alla ricerca di Cud da far firmare e da consegnare poi al più vicino Caf Acli, partner dell’iniziativa.

Ai cinque gruppi più produttivi arriveranno i soldi per realizzare un progetto nella propria parrocchia: 1.700 euro per chi avrà consegnato da 30 a 100 Cud, fino a 29.500 euro per chi avrà portato un bottino di almeno 1.600 Cud.

 

Da quest’anno anche l’Unione delle comunità ebraiche promuove un’iniziativa analoga, sebbene meno strutturata: il progetto Mezzo Shekel, ovvero “mezza moneta”, secondo la Torà quella che gli ebrei dovevano offrire a Dio per espiare il peccato di idolatria verso il vitello d’oro. «Cerchiamo un team dinamico di 10 ragazzi» per raccogliere i moduli per la destinazione dell’8x1000, chiede il bando. Rimborso spese e premi anche per loro: un compenso per l’attività di raccolta delle schede e l’opportunità di presentare progetto da finanziare destinato ai giovani.

 

 

E allo Stato ?

 

Quest’anno dei quasi 170 milioni destinati allo Stato, solo 400mila euro sono stati usati per gli scopi previsti, finanziando i progetti di quattro associazioni, due delle quali cattoliche.

 

Tutti gli altri soldi, ovvero 169 milioni e 500mila euro, sono stati usati «per esigenze straordinarie di finanza pubblica», dal pagamento dei debiti della pubblica amministrazione alle imprese al decreto del “Fare”, dall’Ecobonus e alle nuove assunzioni di lavoratori under 29.

A questo proposito l’Uaar — associazione impegnata nella difesa della laicità delle istituzioni — rilancia la campagna Occhiopermille. Da quest’anno lo Stato può destinare il proprio 8x1000 anche per l’edilizia scolastica, per cui l’Uaar invita i cittadini a scegliere lo Stato e a «fare pressione sul proprio sindaco affinché presenti domanda per un intervento di edilizia scolastica o per far fronte a calamità naturali. Sarebbe un modo perché l’8x1000 statale sia usato laicamente e a beneficio di tutti».

 

 

 

 

(*) con il sistema della ripartizione proporzionale delle quote non espresse, una firma in più vale molto, anche se si tratta di un pensionato al minimo. In palio, come una vera e propria gara a chi conquista più Cud, premi in denaro. Non ricchissimi, ma nemmeno simbolici.

 

 

(140430)

 

Download
ChiesaCattolica-rendiconto2013.pdf
Documento Adobe Acrobat 503.3 KB
Download
ChiesaCattolica-ripartizione2013.pdf
Documento Adobe Acrobat 301.8 KB
Download
TV_OttoMille-approvati_ita2012.pdf
Documento Adobe Acrobat 173.0 KB
Download
TV-OttoMille-approv_ita2013.pdf
Documento Adobe Acrobat 254.2 KB